Perché usare il legno?

Perché usare il legno nelle nostre case, nell’ufficio o nelle attività commerciali, persino su terrazzi e balconi? Il legno è un materiale nobile, vivo, che rende ogni ambiente unico e speciale. Moderno o classico, chabby chic o lussuoso, minimalista,… ogni ambiente viene reso inimitabile dall’uso sapiente del legno e delle sue finiture.

Ecologista

Dare un futuro a questo pianeta.

La scelta di legni di piantagione o di legni a km zero è sicuramente in linea con un abbattimento delle piante controllato. L’alternativa è l’uso di vecchio legno “scampato” alla distruzione dell’uomo perché ritenuto non comodo e facile da lavorare – a cura dei falegnami. Oppure utilizzare del legno trovabile in natura come ad esempio di recupero nei fiumi in secca o nelle spiagge. Utilizzare sempre sotto il profilo ecologista, dell’antico legno, ricavato ad esempio da travi gettate a terra per far posto ad un nuovo tetto: anche in questo caso il trave diventa un legno scampato alla distruzione o ad essere bruciato nel caminetto. Il recupero però richiede lavorazioni particolari, richiede ovviamente costosi trattamenti, ma è anche quella che dà colori e toni non riproducibili altrimenti. In maniera industriale, si cerca di produrre legno anticato o invecchiato.

Avere legno antico nel tempo o dal tempo e non antichizzati dalla mano artificiale dell’uomo.

pavimento-legno-ecologico-moderno

Pavimento in legno: parquet – ecologia in casa

Estetico

Diffidare da chi ci dice che più è largo e più è lungo e più è più è bello.

Il legno ha un suo costo in base alla rarità, in base alla difficoltà di reperimento e di lavorazione, in base alla stabilizzazione, in base a fattori di peso!

Da questo concetto scaturisce la necessità di vederlo dal vivo, nella segheria dove lo si produce e non su un semplice campionario. Tantomeno su delle fotografie che altererebbero le luci, le piallature e le sensazioni al tatto. Provate sempre a toccare il prodotto che state per comprare, sentirne la lucidità o la finitura. Battetelo per sentirne il rumore, il tonfo sordo o il suono morbido. Sentitene il profumo e pretendete che sappia di legno.

piano-cucina-legno-estetica

Piano cucina in legno massello

Come lo scelgo?

Non sempre il legno duro o a durezza elevata è ciò che “serve” in una casa. Siamo spesso portati a pensare che avere un parquet di legno duro, durerà più a lungo. Invece è sufficiente avere un legno di buona durezza ma soprattutto stabile e ben essiccato affinché non abbia movimenti nel tempo. Esistono dei metodi per indurire le varie essenze legnose che il venditore e prima ancora il produttore devono conoscere e consigliare all’utente finale. 

La gamma di prodotti e di articoli che oggi anche la nostra segheria e parquettificio può offrire permette di scegliere tra una gamma di colori, finiture ed essenze ampia che ha come caratteristica principale quella di essere usato sempre, anche in bagni e cucine ma con un condizionamento del legno ed una sua lavorazione particolare per il fine desiderato.

Piano bagno in legno

Materiali

I parquet costruiti con legno ad alta densità od ottenuti con legni classificabili duri o ad alta resistenza è bene siano controllati ed essiccati con metodi anch’essi di alta qualità: il legno duro necessita di stagionatura importante al fine di non avere movimenti nell’avvicendarsi delle stagioni della casa.

Per esempio il legno di ulivo essendo legno duro è bene che provenga da cadute naturali dell’albero e non da taglio fresco al fine che il legno stesso della pianta abbia già subito una maturazione quando “ancora” vivo, quando ancora resisteva.

Il legno di abete per contro e per opposto è un legno a durezza bassa a crescita veloce e non deve essere lavorato con particolare stagionatura ma non si deve pretendere da quel legno una grande risposta al calpestio ed al traffico.

Il legno di rovere è stato scelto dai grandi produttori di “materia lignea” in generale in quanto legno ad alta diffusione nell’Europa e nel nord America ed anche per una ottima ed equilibrata proporzione tra durezza, stabilità e prezzo contenuto. E’ bene che il rovere abbia una certificazione che comprovi l’abbattimento da foreste controllate (corpo forestale stato italiano, onf in francia, etc). Pretendete legno certificato, che abbia una chiara provenienza. 

tavolo-pranzo-moderno-in-legno

Tavolo moderno in legno